Sono depresso/a?

Sono depresso/a?

Testo elaborato dalla dott.ssa Vanessa Cavasin - Psicologa

Che cos'è la depressione?

La depressione è un disturbo dell'umore che può variare da forme lievi con brevi periodi di malumore, che chiunque può sperimentare nella propria vita, a forme più complesse e gravi che possono portare anche al suicidio.

1. Come si presenta la depressione?

In generale le persone depresse riferiscono sentimenti di tristezza, si sentono giù di morale ed hanno spesso voglia di piangere, perdita di interessi e di piacere, poco appetito, il sonno è più o meno prolungato rispetto al solito, incapacità a stare fermi o al contrario un generale rallentamento, sintomi di stanchezza, riduzione di energia, sentimenti di svalutazione, sensi di colpa esagerati, diminuita capacità di pensare. Talvolta possono convincersi di avere un tumore, problemi cardiologici o altre malattie.

2. Come capire se si tratta di una condizione di depressione passeggera o di una forma di depressione grave?

La differenza è data dalla presenza costante nel tempo di molti dei sintomi sopra elencati e dalle limitazioni che essi impongono alla capacità di funzionamento delle persone.

3. Quali possono essere le cause della depressione?

Si può essere depressi per motivi legati a fattori ambientali o situazionali come ad esempio per la morte di una persona cara, problemi di lavoro, in famiglia, difficoltà economiche. Etc.
Si è anche osservato che la depressione può dipendere da fattori biologici. In particolare nel nostro cervello ci sono varie sostanze chimiche, dette neurotrasmettitori, il cui compito è quello di favorire lo scambio di messaggi tra le cellule nervose; se si verifica uno squilibrio a livello di neurotrasmettitori cerebrali si possono avere dei cambiamenti sul piano comportamentale, emotivo e cognitivo. Possono essere causa di depressione anche alcune malattie es. ipotiroidismo o alcune malattie farmacologiche o derivare dall'abuso di sostanze come alcol e droghe.

4. La depressione influenza gli eventi cardiovascolari?

La depressione può essere un fattore che contribuisce all'instaurarsi del primo evento cardiovascolare ma non ne è la causa principale. E' importante sottolineare che la depressione dopo l'infarto o dopo intervento cardiochirurgico costituisce un fattore che aumenta il rischio di sviluppare ulteriori eventi cardiovascolari.

5. Sono più le donne o gli uomini a soffrire di depressione?

Sono più di frequente le donne a soffrire di depressione alla quale si è osservato è associata più spesso la difficoltà a respirare.

6. La depressione influenza la costanza nel seguire le cure indicate dal medico?

Si è osservato che la depressione può diminuire l'attenzione delle cure e il mantenimento di stili di vita non salutari come l'abitudine al fumo, il consumo di alcol, la sedentarietà, una dieta non bilanciata (che a loro volta facilitano il verificarsi di nuovi episodi).

7. Come si cura la depressione?

La depressione può essere curata, a seconda della gravità, con farmaci antidepressivi, con psicoterapia o con una terapia combinata. Nei casi di depressione lieve la terapia psicologica è risultata efficace, mentre nei casi di depressione più gravi sarà più opportuno ricorrere a farmaci antidepressivi prescritti dallo psichiatra. Si può anche decidere di affrontare la depressione con la combinazione di psicoterapia e terapia farmacologica, per coloro che non guariscono con i farmaci o con la psicoterapia impiegata separatamente.

8. A chi bisogna rivolgersi se si pensa di avere la depressione?

Se si pensa di avere la depressione bisogna rivolgersi al proprio medico di fiducia, che saprà indicare lo specialista, psicologo o psichiatra, più adatto alla sua condizione.

FAQ